Anno Sociale: 2013-2014

I martedì di San Domenico

Martedì 18/02/2014 | Ore: 21,00

Primo, non sprecare. dal valore del CI-BO una nuova ricchezza

Dal 2010 Last Minute Market, lo spin off dell’Università di Bologna divenuto eccellenza europea nel recupero degli sprechi alimentari, promuove la campagna di sensibilizzazione Un anno contro lo spreco: un progetto non solo di comunicazione, ma di obiettivi e risultati concreti, come la Dichiarazione congiunta lanciata nel 2010 con l’adesione di associazioni, operatori, uomini di scienza e cultura italiani ed europei, per indicare con forza due priorità – dimezzare lo spreco alimentare entro il 2025 e proclamare prima possibile l’Anno europeo contro lo spreco alimentare – che il Parlamento europeo ha fatto proprie nella Risoluzione “Come evitare lo spreco di alimenti: strategie per migliorare l’efficienza della catena alimentare nell’UE”, approvata a Strasburgo il 19 gennaio 2012.

Da allora, la campagna Un anno contro lo spreco, diretta dal presidente di Last Minute Market prof. Andrea Segrè,che coordina il Gruppo task force del Ministero, dopo aver esplorato nel 2010 il tema degli sprechi alimentari, nel 2011 gli sprechi idrici e nel 2012 gli sprechi energetici in correlazione con lo spreco alimentare, si è focalizzata nel 2013 su “Spreco zero” come obiettivo sostenibile verso cui tendere e avrà come motore portante la sensibilizzazione dei più giovani nel 2014, per la V edizione che attiverà molteplici strumenti di sensibilizzazione sulle cause e le conseguenze dello spreco alimentare in Italia e nel mondo.

….. «Non sprecare dev’essere il primo comandamento laico del nostro tempo di crisi -spiega l’ideatore del progetto, Andrea Segrè – Gettare il cibo ancora buono da mangiare non solo è peccato in tutti i sensi, ma è anche un costo economico, ecologico e sociale. Ridurre gli sprechi alimentari dev’essere una priorità politica». Primo non sprecare è un format avviato dalla campagna in sinergia con il programma di Radio2 Rai Caterpillar: pranzi e cene con cibo di recupero dagli sprechi della filiera agro-alimentare. L’iniziativa ha debuttato in occasione delle Giornate europee contro lo spreco al Parlamento europeo nell’ottobre 2010 e si è rinnovato nell’ottobre 2011 a Palazzo d’Accursio, sede del Comune di Bologna, quindi al Caterraduno di Senigallia nel giugno 2012 per mille commensali su menu curato dallo chef Moreno Cedroni, e ancora a Roma, sulla terrazza dell’Ara Pacis nell’ottobre 2012 in occasione della Giornata Mondiale dell’Alimentazione. Quest’anno Primo non sprecare si è svolto per 3mila commensali a Torino il primo giugno, in occasione di Eating, ed è stato riproposto mercoledì 16 ottobre, Giornata dell’Alimentazione 2013, nelle mense del Ministero degli Esteri e della Fao con speciale declinazione di cucina etnica nella sede romana di Eataly.

Nei primi mesi del 2013, per iniziativa di Last Minute Market in partnership con l’Istituto per la salute e la protezione dei consumatori del Joint Research Centre, con il servizio scientifico della Commissione Europea e il Karlsruhe Institut für Technologie, contestualmente alla campagna è stato avviato Waste Watcher, l’Osservatorio preposto a monitorare e prevenire le cause degli sprechi alimentari nelle case delle famiglie italiane. Prossima iniziativa di rilievo a cura di Last Minute Market e della campagna Un anno contro lo spreco è la collaborazione con il Ministero dell’Ambiente per la strategia nazionale avviata in queste settimane dal Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando, che ha varato il PINPAS, Piano Nazionale di Prevenzione dello spreco alimentare, una misura urgente e non più rinviabile: se ne occupa il Gruppo di Lavoro coordinato dal presidente di Last Minute Market Andrea Segrè, docente all’Università di Bologna e promotore della campagna europea “Un anno contro lo spreco”; della taskforce fanno parte la scrittrice Susanna Tamaro, in prima linea nella battaglia contro lo spreco, lo scienziato Vincenzo Balzani, la regista Maite Carpio, attiva nella solidarietà e fondatrice dell’onlus Agenda Sant’Egidio, l’attore e scrittore Giobbe Covatta, da sempre impegnato in iniziative di solidarietà. Prima iniziativa concreta nel contesto del PINPAS è la proclamazione della Giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare in Italia, mercoledì 5 febbraio 2014.

Andrea Segrè, docente, saggista, agroeconomista, triestino classe 1961 è fondatore e presidente di Last Minute Market, spin off dell’Università di Bologna, promotore della campagna europea Un anno contro lo spreco, ideatore della Carta per gli enti territoriali a Spreco Zero e di Waste Watcher il primo osservatorio nazionale sugli sprechi domestici.

Dal 16 ottobre 2013 è coordinatore del Piano Nazionale per la prevenzione degli sprechi alimentari, istituito dal Ministro dell’Ambiente. E’ direttore del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-alimentari dell’Università di Bologna dove è stato preside della Facoltà di Agraria (2005-2012) fino alla chiusura della stessa per effetto della riforma Gelmini. Dal 2000 è professore ordinario di Politica agraria internazionale e comparata. Presidente del Centro Agroalimentare di Bologna (CAAB)

Ultimi Articoli