Articoli di Mancini Roberto


Articoli di Mancini Roberto


I cattolici italiani e il razzismo

52° anno – 2° incontro

I cattolici italiani e il razzismo

presentazione del libro

“Per una democrazia post-razziale. Lettera aperta ai Vescovi dell’Italia e dell’Africa” – Edizioni San Paolo

 INCONTRO IN SALA TRASLAZIONE – CONVENTO SAN DOMENICO- BOLOGNA

I posti sono limitati e la prenotazione è obbligatoria a: centrosandomenicobo@gmail.com, indicando nome e cognome di tutti i partecipanti e rispettivi numeri di telefono.

Tutti gli eventi si svolgeranno nel rispetto del distanziamento fisico e di tutte le misure anti-Covid vigenti alla data di svolgimento delle conferenze.

Per partecipare è necessario esibire il proprio Green Pass – Certificazione verde COVID-19, si prega di venire muniti di mascherina che dovrà essere indossata

Stabat Mater

Martedì 30 marzo ore 21
51° anno – 15° incontro

Giubileo 2021 San Domenico

Stabat Mater
di Giovanni Battista Pergolesi
per soprano, contralto, archi e basso continuo

Miho Kamiya – Soprano
Ester Ferraro – Contralto
Solisti della Cappella Musicale del Rosario

In collaborazione con la Scuola di canto barocco della Professoressa Gloria Banditelli- Conservatorio G. Frescobaldi di Ferrara
introduce

fra Gianni Festa O.P.

1- Stabat Mater dolorosa duetto soprano, contralto
2- Cujus animam gementem aria soprano solo
3- O quam tristis et afflicta duetto soprano, contralto
4- Quae moerebat et dolebat aria contralto solo
5- Quis est homo duetto soprano, contralto
6- Vidit suum dulcem natum aria soprano solo
7- Eja mater fons amoris aria contralto solo
8- Fac ut ardeat cor meum duetto soprano, contralto
9- Sancta mater, istud agas duetto soprano, contralto
10- Fac ut portem Christi mortem aria contralto solo
11- Inflammatus et accensus duetto soprano, contralto
12- Quando corpus morietur duetto soprano, contralto

Sarà possibile seguire l’evento alle ore 21 collegandosi a: Youtube Centro San Domenico

Uomo tecnologico e responsabilità per il futuro

51° anno – 14° incontro
III° incontro del ciclo “Persona e tecnologia”
Uomo tecnologico e responsabilità per il futuro

L’enciclica “Laudato si’ “ riconosce i meriti della tecnologia, in quanto” ben orientata”, è in grado non solo di produrre cose realmente preziose per migliorare la qualità della vita dell’essere umano, a partire dagli oggetti di uso domestico fino ai grandi mezzi di trasporto, ai ponti, agli edifici, agli spazi pubblici” (Laudato si’, n.103) , ma denuncia anche i rischi che derivano dall’uso dei suoi poteri: “perché l’immensa crescita tecnologica non è stata accompagnata da uno sviluppo dell’essere umano per quanto riguarda la responsabilità, i valori e la coscienza” (Ib. n.105). Occorre perciò distinguere correttamente la tecnologia, che permette di costruire nel futuro il progresso nella vita dell’uomo, dalla tecnocrazia, che comprende tutti i diversi usi della tecnologia come strumenti di potere per dominare gli uomini e non per servirli.

Sarà possibile seguire l’evento alle ore 21 collegandosi a: Youtube Centro San Domenico